Run to change onlus

Beneficenza

KM42
La corsa è la più bella metafora della vita, un inizio, un percorso fatto di salite, di discese e di soste e infine un traguardo da raggiungere.
Noi runner scegliamo la nostra maratona e ci prepariamo ad affrontarla con dedizione, sacrifici e passione. Siamo spesso accompagnati e supportati da amici che nutrono la nostra stessa passione e con i quali, gli allenamenti e il lungo percorso che porta al traguardo diventa meno faticoso.
Al contrario i malati di cancro e i loro famigliari si trovano improvvisamente ad affrontare una maratona alla quale non avrebbero mai voluto partecipare, senza alcuna preparazione e senza certezze sul percorso da intraprendere.
Nella corsa e nelle malattie oncologiche nessuno può compiere il percorso al nostro posto, ma il supporto e il sostegno morale sono spesso la linfa che permette di continuare, un passo dopo l’altro. Un bambino che ci incita dandoci un cinque con la mano, nostro figlio che ci aspetta all’arrivo, sconosciuti che urlano il nostro nome.
Chi si trova ad affrontare una malattia oncologica ha bisogno di ancora maggior supporto da parte di professionisti che con dedizione preparano chi per primo affronta la malattia e i suoi affetti più cari.
L’obiettivo del progetto KM 42 è supportare i malati e i familiari, in particolar modo i care giver, contribuendo al finanziamento dell’assistenza psicologica, fondamentale nei reparti di oncologia e nelle equipe di cure palliative. Oggi purtroppo questi servizi non sono adeguatamente sovvenzionati dal sistema sanitario nazionale, questo comporta la necessità delle strutture ospedaliere di far affidamento su donazioni per poter garantire al maggior numero di persone possibili il corretto supporto psicologico, fondamentale per alleviare il carico emotivo di questa delicata fase della vita.
A tale proposito, Run to Change intende scendere in “pista” per collaborare con l’Associazione Oncologica di Multimedica, che tutti i giorni si prende cura di tanti malati dal punto di vista clinico e psicologico.
Nessuno sa cosa succederà nei 195 metri che separano dal traguardo, l’obiettivo di Run to Change è cercare di permettere ai malati oncologici e alle loro famiglie di percorrere i 42km con il miglior supporto possibile.

Video: